I deliri dell’anima di Sabrina Bologni

Posted: 8th novembre 2012 by delirianima in Libro, poesia
Tags: , , , ,

I deliri dell'anima

Cliccare sul link per leggere le prime quattro poesie

Così ti dico addio celando l’anima alla luce e donandoti la mia
assenza finchè il gelo, mio compagno e maestro, non tornerà. Solo
allora la mia mano sarà presenza.

L’ultimo sguardo al cielo

Posted: 17th marzo 2015 by delirianima in poesia
Tags: , , , , ,
Commenti disabilitati su L’ultimo sguardo al cielo

caronte

L’ultimo sguardo al cielo.

Non sono figlia, non sono madre, non sono sposa,
neppur cuore, mente o anima.
Creata con sangue pulsante bevuto
e sputato senza ritegno alcuno.
Creta inaridita che nessuna mano può modellare.
Nella grotta, sedendo alle spalle di Caronte,
osservo i possenti muscoli straziati da ogni traversata.
Ad ogni volta rocciosa è volto il mio destino.
Cassandra inascoltata.
Iside dimenticata.
Penelope stremata.
Aida mai scordata.
Siedo al termine di una scacchiera con eserciti sconfitti,
cavalli di Troia che celano nefandezze e sotterfugi.
Invoco draghi.
Le loro onde di fuoco infiammeranno
dormienti guerrieri spronandoli alla battaglia.
Invoco lupi.
Sacra protezione dei miei passi verso villaggi che calpesterò.
Fuoco e acqua purificheranno il mio passaggio
sinchè allo stremo non cadrò in ginocchio.
Ed allora, solo allora,
volgerò l’ultimo sguardo al cielo.

 

Sabry aka Iside
Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale

Spietato

Posted: 12th marzo 2015 by delirianima in poesia
Tags: , , , , ,
Commenti disabilitati su Spietato

Spietato!

sole (1)

Come il fuoco
di un cattivo amante
che brucia il corpo
ma non scalda l’anima.

(Sabry aka Iside)

Mi osserverai sempre?

Posted: 9th marzo 2015 by delirianima in poesia
Tags: , , ,
Commenti disabilitati su Mi osserverai sempre?

lunadonna

“Ti osservo ..”

Mi hai sempre osservata …

“Ti ho sempre tenuta per mano …”

Non so chi tu sia,
a volte ti sento gelidamente vicino
a volte sento un caldo respiro lontano.

“La tua anima conosce tutti i miei nomi
La tua mente li allontana.”

Se la mia anima conosce i tuoi nomi,
regalami  dorate foglie
ch’io possa seguire per trovarti.
Insegnami il cammino.

“Il tuo cammino fu scritto
con il tuo primo respiro
lo stai seguendo giorno dopo giorno.”

Mi osserverai sempre?
Terrai sempre stretta la mia mano?

“Ti osserverò sempre e mai abbandonerò la tua mano,
nel sorriso che quieto chiuderà i tuoi occhi.”

Sabry aka Iside
Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale

Eterno sposo

Posted: 25th febbraio 2015 by delirianima in poesia
Tags: , , ,
Commenti disabilitati su Eterno sposo

bacio

Eterno sposo.

Vieni mio principe nero,
avvolgimi in ali di pipistrello,
sensuale mantello di velluto nero,
che copra le mie bianche spalle.
Trasforma in coppe le tue mani,
così da coprire i mie seni doloranti,
posa le tue violacee labbra
sul vergine candore del mio collo.
Donami il segreto
della notte eterna
celando la luce
in un vorticoso amplesso.
Vieni mio principe nero
celami nell’oscurità del tuo sguardo
cullami nel tuo cuore senza palpito.
Vieni principe nero,
mio eterno sposo
dal secolare nome.

 

(Sabry aka Iside)

L’alba dell’addio

Posted: 23rd febbraio 2015 by delirianima in poesia
Tags: , ,
Commenti disabilitati su L’alba dell’addio

cielo1

L’alba dell’addio.

Un uomo tesse fili di vela
nella tempesta del poco che resta.
Stringe una fune con mano salda
sciogliendo il nodo che trattiene l’alba.
So chi è, è la sua ombra che conosco.
Lo incontrai vagando in un bosco,
in una mattina di fresca rugiada.
Riposava quando una goccia lo baciò
e volando nel cielo d’alba lo incendiò.
Conosco la sua anima,
che sfiorai e illuminai.
Conosco il suo nome e conosco il mio
l’ho scritto sulla sua pelle: “Addio”.

(Sabry aka Iside)

I deliri dell’anima

Follia del ricordo

Posted: 22nd febbraio 2015 by delirianima in poesia
Tags: , ,
Commenti disabilitati su Follia del ricordo

folliaTi vesto di follia
la stessa in cui mi specchiai
spogliandoti con la ferocia
di lini strappati e
di sangue pianto in maledette notti.
Di risate argentine,
ghiacciate in macabre risa.
Ti spoglio l’anima e la rivesto di dolore.
Di quell’anima e di quel corpo dissolti
di parole straziate sotto la terra
e di me,
di me che sono il nulla che vaga.
Di me ti spoglio
e ti rivesto di ricordi.

(Sabry aka Iside)

Salamandra

Posted: 10th ottobre 2013 by delirianima in animali, Libro, poesia
Tags: , ,
Commenti disabilitati su Salamandra

Distesa su umorali terreni
di vita terrena e di ancestrali profumi,
regina del tuo regno fatato,
mi osservasti incuriosita.
Ed io, piccola intrusa,
mi stesi accanto a te.
ed imparai.
Imparai che il tuo camminare strisciante
era composto da quella dignità
persa nell’indietreggiare eretto dell’uomo.
(Sabry aka Iside)

 

Un viaggio nell’anima di una donna scritto per non dimenticare.

Cliccare sul link per leggere le prime quattro poesie

Oblio dell’anima

Posted: 4th dicembre 2012 by delirianima in poesia
Tags: , , , , , ,
Commenti disabilitati su Oblio dell’anima

donna sospesa -mano braccio uomo 3

Sospesa nell’oblio
senza un dio,
senza un io.
Inanellando capelli tra le dita,
bevendo ad un sorgente infinita
insaziabile e sfinita,
artigliando fianchi
di stanchi versanti.
Versanti sangue
in coppe di re
e in profetici calici.
Calici su un giaciglio
del biancore di giglio
riflessi di un abbaglio
nel dolce spiraglio
schiuso da un pendaglio.
Pendaglio che gira.
Gira e turbina
scavando l’anima bambina.
Dimmi.
Dov’è celato il pulsare della mia anima ?

Il mio tempo (I deliri dell’anima)

Posted: 25th novembre 2012 by delirianima in poesia
Tags: , , , , , ,

2a35e3c894_3520092_med

Seduta all’ombra di un nero ontano,
sorda ad un suono lontano,
eco di triste campana
carezzata da pietà umana,
osservo l’umida terra smossa,
a coprire vecchie ossa,
che greve si posa
e diviene dell’anima sposa.
E sebbene dolce sia il pensiero della morte
che ponga fine a questa sorte
ancora non è giunto il tempo
ch’io possa cullare il tormento.
Che io possa vedere vicino
la fine di un cammino divino
nel suo incedere su sentieri in rovine
recanti corone di spine.

(Sabrina Bologni)

Audio – poesia

 

Stanca Ofelia

Posted: 22nd novembre 2012 by delirianima in poesia
Tags: ,
Commenti disabilitati su Stanca Ofelia

Stanca Ofelia
su un letto di pace
annullo il mio corpo
coprendo il tuo scorrere.
Carezzevole sogno
di placide acque
scivolo tra veli e catene.
Ed ogni mio scorrere
è ricordo di me.

(Sabrina Bologni)